il feroce saladino

E così l’hanno preso, il feroce saladino.
Adesso l’album dei most wanted ha la sua figurina introvabile. La più importante della collezione.
Quando gli americani entrarono in Iraq, nella seconda guerra del golfo, avevano con loro – quei soldati che davano la caccia ai generali complici di Saddam Hussein e altri oligarchi del potere – un mazzo di carte da poker, con impressi i volti del regime, in ordine di importanza, gli assi, i re, i fanti.
C’è qualcosa di scopertamente americano, d’altronde dichiarato a chiare lettere – Dead or Alive -, in questo simbolismo di frontiera: l’operazione col nome in codice “Geronimo”, le carte da poker, i poster “wanted: vivo o morto”. Dopo l’11 settembre devono essersi sentiti così, nel far west, come un giudice dai sette capestri.
Però, davvero bin Laden non è mai diventato un’icona da affiggere sopra il letto dei ragazzi del mondo. In Egitto, in Marocco, in Tunisia, in Iran, a Mumbai, ci sono facce di popstar, calciatori, attori e attrici – globali spesso, locali altrettanto. Come è sempre accaduto, litigheranno coi genitori e coi fratelli che li irrideranno o ne avranno fastidio.
Osama no, non è mai entrato nelle loro camerette.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in culture e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...