Wall Street rallenta, la guerra dei dazi con la Cina incalza.

C’è una curiosa procedura al Senato americano, per cui se un senatore, assente per causa di forza maggiore, si mette d’accordo con un collega che avrebbe votato in modo opposto al suo e questi, in aula, al momento del voto, dichiara “present”, praticamente accoppiando il proprio voto a quello del senatore assente, sostanzialmente li annulla. Ecco, è esattamente questo che ha fatto Lisa Murkovski, senatore repubblicano dell’Alaska, che è rimasta fino all’ultimo contraria a mandare Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, ma ha accoppiato il suo “no” al “sì” del senatore Steve Daines che aveva fatto sapere che non poteva essere presente in aula perché sua figlia si sposava in Montana. E al momento della chiama, invece di “no” ha detto “present”.
Lisa Murkovski ha spiegato che il suo era un piccolo gesto di cortesia verso un collega, augurandosi il moltiplicarsi di questi piccoli gesti di cortesia, da cui potrebbe nascere qualcosa di più importante – un augurio, con ogni evidenza, a superare la contrapposizione fiera di schieramenti, che è stata letale durante la presidenza Obama, per il Medicare a esempio ma non solo. E ha aggiunto che anche se il suo voto fosse stato un “no”, il risultato non sarebbe cambiato, da quando il senatore Susan Collins del Maine, fino a quel momento perplessa, aveva dichiarato che nulla nelle indagini, da molti giudicate frettolose e incomplete, svolte dall’Fbi sui fatti denunciati dal Christine Ford l’aveva convinta a votare “no”. Successivamente, dopo l’elezione di Kavanaugh, la Collins ha spiegato in un’intervista televisiva il suo voto: «Ho trovato la testimonianza della dottoressa Ford straziante, dolorosa, avvincente, e sono convinta che lei creda in ciò che ha testimoniato. Ma non credo che Brett Kavanaugh fosse il suo assalitore. Sono convinta che sia stata aggredita. Non so da chi».
Il risultato è stato di 50 voti a favore dell’elezione di Kavanaugh e di 48 contrari, un margine così stretto non si verificava da più di un secolo. Ma Trump ha ora un altro giudice repubblicano convinto – con posizioni apertamente conservatrici – e è la sua seconda nomina. Il primo era stato Neil Gorsuch e anche per lui è stato necessario forzare le regole: per eliminare l’ostruzionismo i repubblicani hanno usato la cosiddetta nuclear option (mai usata per nominare un giudice della Corte Suprema in tutta la storia degli Stati Uniti), che avrebbe consentito di approvare la nomina con una maggioranza semplice. Sono peraltro giudici giovani, intorno ai cinquant’anni, e considerando che la nomina è a vita avranno un peso importante nelle decisioni future della Corte suprema.
Dei nove giudici attuali, nello schieramento più liberal ci sono Stephen Breyer, e tre donne: Ruth Bader Ginsburg, Sonia Sotomayor e Elena Kagan. Nel fronte di destra ci sono Samuel Alito, italoamericano e cattolico, come il presidente John Roberts, entrambi nominati da George W. Bush, Clarence Thomas, afroamericano nominato da Bush padre (anche per lui, accusato di molestie nel 1991 da Anita Hill, la nomina fu turbolenta, e finì 52 a 48), e Kavanaugh e Gorsuch. Ma Breyer ha ottant’anni e la Bader Ginsburg ottantacinque, anche se è un tipo tostissimo: è sopravvissuta a due tumori senza perdere un giorno di udienza. Anzi, RBG è diventato un simbolo, il suo nome viene stampato su magliette, spille e adesivi: ha difeso l’aborto, la gratuità della pillola, ha fatto passare i matrimoni gay e l’assistenza sanitaria pubblica. Perché di questo discute la Corte Suprema: se i bambini neri possono andare nelle stesse scuole dei bambini bianchi, se le donne possono abortire, se i gay possono sposarsi, se la pena di morte si può fare e come, se si può bere alcol, se si può fumare marijuana, se anche uno fuori di testa può comprare un fucile mitragliatore come fosse una confezione da six pack di birre, e se il governo può dirti che devi nominare come medico della mutua.
Intanto, il Dow Jones ha perso, in due giorni consecutivi, circa 1.400 punti, e il Nasdaq (i titoli tecnologici) l’1.3 percento. Trump ne ha addossato la colpa alla decisione della Fed, la Federal reserve, di alzare il tasso di interesse, criticandola duramente: «La Fed sta sbagliando. Sono diventati matti. È una decisione che stavamo aspettando da un pezzo. Ma io sono completamente in disaccordo».
Il nuovo presidente della Fed è Jerome Powell, nominato a febbraio allo scadere della presidenza di Janet Yellen. Powell era già nel board della Fed, dove era stato nominato da Obama. Nei cinque anni della presidenza Yellen è stato sempre dalla sua parte – mantenendo i tassi di interesse prossimi allo zero, benché le richieste dei repubblicani fossero di salirli. La Yellen aveva prospettato un rialzo graduale nel caso in cui la crescita fosse rimasta stabile, il mercato del lavoro fosse dinamico, e l’inflazione si fosse alzata. Ora, il tasso di disoccupazione è sceso – al 4,3 percento, il minimo da marzo 2001, e Trump ne ha gongolato – ma anche il tasso di inflazione è salito, avvicinandosi al 2 percento, anche se il livello dei prezzi è cresciuto meno delle previsioni. Parallelamente, Powell ha alzato i tassi di interesse, portandoli al 2,5 percento.
Ma molto probabilmente, il rialzo dei tassi di interesse non è la causa dei nervosismi della Borsa, ma erano già in alto, a causa della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, una “guerra di dazi” che sinora mostra pochi segnali di risoluzione in tempi brevi.
Il segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha incontrato il governatore della banca centrale cinese Yi Gang in una conferenza della Banca Mondiale in Indonesia, un giorno dopo aver lanciato un avvertimento contro la Cina per la “svalutazione competitiva” della sua valuta contro il dollaro USA.
Yi Gang non ha detto ai giornalisti come è andato l’incontro con Mnuchin, ma ha detto a una rivista finanziaria cinese che la Cina stava per raggiungere gli obiettivi di crescita del Pil nonostante le preoccupazioni sulla guerra commerciale e sui livelli del debito.
Il renminbi era caduto “significativamente” durante l’anno, e il dipartimento del Tesoro sta monitorando questo “molto attentamente” per assicurarsi che la Cina non stia agendo sulla sua valuta per ottenere un vantaggio nella guerra commerciale, ha detto Mnuchin al «Financial Times»: «Mentre guardiamo alle questioni commerciali, non c’è dubbio che vogliamo essere sicuri che la Cina non stia facendo svalutazioni competitive».
Intanto, il dipartimento del Tesoro ha emesso nuove regole sugli investimenti stranieri in società americane, rafforzando il suo potere di bloccarli per motivi di sicurezza nazionale. La Cina è stata l’obiettivo principale di queste regole.
Secondo molti analisti, è probabile che questo continuo attrito rallenterà i mercati per qualche tempo. Mentre l’incertezza continua a prevalere nei mercati finanziari di tutto il mondo, molti investitori restano ai margini, finché non emergerà una linea di maggiore chiarezza nel Tesoro degli Stati Uniti e nei mercati cinesi.
Parlare di questi dati, del renminbi e della guerra commerciale tra Usa e Cina non è una “questione specialistica” tra analisti economici. Pochi giorni fa, Trump ha “politicizzato” la cosa: «La Cina sta cercando di influenzare le elezioni americane con una guerra commerciale, attaccando i nostri agricoltori, i nostri allevatori e i nostri lavoratori in vista del voto di novembre».
Quindi, il “cavallo di battaglia” di Trump per le mid-term sarà questo: è colpa dei cinesi, se l’economia rallenta. È al voto dei lavoratori che ancora punta Trump. Però, alcune cose vanno specificate, a proposito del “maschio operaio bianco” che lo avrebbe eletto. In realtà, dove ancora la sindacalizzazione resiste, dove cioè c’è ancora produzione, Trump è stato battuto. Ha vinto nelle zone della rust-belt, nei luoghi della de-industrializzazione.
Sarà molto interessante e importante capire come si tradurranno questi dati contraddittori – il rallentamento della Borsa, la crescita dell’occupazione, l’aumento dei tassi di interesse, il tasso di inflazione, la guerra commerciale – in dati elettorali.

Nicotera, 12 ottobre 2018.
pubblicato su “il dubbio”, quotidiano del 13 ottobre 2018.

Annunci
Pubblicato in politiche | Lascia un commento

Midterm Usa: i democratici puntano su volti nuovi.

Rashida Tlaib, 1976, è la più grande di quattordici fratelli nati a Detroit da due immigrati palestinesi, entrambi provenienti dai dintorni di Ramallah – il padre faceva l’operaio alla Ford. Si è diplomata e poi laureata in Scienze politiche e successivamente in Legge. Nel 2004 inizia la sua carriera politica, a fianco di un rappresentante democratico e nel 2008 corre per la prima volta nel 12th distretto, area sud-ovest di Detroit, in preponderanza democratico (qui Trump ha raccolto solo il 30 percento di voti ma poi vinse il Michigan, che fu determinante, per soli diecimila voti), dove vive il 40 percento di ispanici, il 25 percento di afro-americani, il 30 percento di bianchi, e il 2 percento di arabi-americani. Vinse alla grande e fu rieletta nel 2012, anche se in un altro distretto, il 6th. Adesso si prepara per correre per un posto al Senato alle elezioni di mid-term del 6 novembre nel 13th dei quattordici distretti del Michigan. Ha vinto le sue primarie democratiche, non ha concorrenti, e quindi sarà eletta, diventando così la prima donna musulmana e la prima palestino-americana al Congresso.
Rashida Tlaib è socialista. Una parola che in America è stata ultimamente sdoganata da Bernie Sanders, indipendente nel partito democratico, che nel 2016 ha conteso fino all’ultimo e inaspettatamente la candidatura alle presidenziali a Hillary Clinton, suscitando entusiasmo e partecipazione in una nuova generazione di militanti. Sanders e Tlaib sono membri del Dsa, Democratic Socialists of America, nato negli anni ottanta, ma i socialisti americani hanno una lunga storia. Il Partito socialista americano fu fondato agli inizi del Novecento, tra gli altri, da Eugene Debs, che fu anche fondatore degli Iww, gli Industrial workers of the world, un pugno di uomini e donne dalla storia straordinaria, quando minatori, ferrovieri e siderurgici “costruivano” l’America.
Mother Jones, ovvero Mary Harris Jones, irlandese, inesauribile agitatrice sindacale, definita la «donna più pericolosa d’America» ma anche I’«angelo dei minatori», a seconda di chi ne parlasse: Mother Jones interveniva a organizzare tutti gli scioperi, come quello dei ferrovieri nel 1877 a Pittsburgh; Lucy Eldine Gonzales Parsons, africana, già militante nell’organizzazione per i diritti razziali poi attivista anarchica a fianco dei martiri di Haymarkets a Chicago nel 1886; William «Big Bill» Haywood, fisico imponente, di temperamento sanguigno, più incline alla lotta che alla negoziazione, che fu incriminato e condannato nel 1907 con l’accusa di aver organizzato l’assassinio del governatore Steunenberg, la cui casa era stata fatta esplodere con le bombe usate dai minatori nelle miniere d’argento dell’Idaho; Elizabeth Gurley Flynn, definita «la Giovanna d’Arco dell’est», che durante il suo attivismo sindacale fu arrestata dieci volte e mai condannata, poi sostenne la campagna a favore di Sacco e Vanzetti e quella a favore del suffragio femminile. Insomma, tipi tosti.
Rashida Tlaib non è così radicale. Il suo programma comprende: il Medicare, cioè l’assistenza sanitaria, estesa a tutti, una battaglia che Obama provò a intestarsi ma realizzò solo parzialmente per l’opposizione feroce dei repubblicani; la possibilità di accesso libero e gratuito agli studi (oggi i prestiti d’onore strozzano gli universitari per decenni); la possibilità di possedere una casa; l’impegno per il recupero di aree devastate dall’inquinamento. Però, a pensarci nell’America trumpiana un programma così suona davvero radicale.
Intanto, l’opinione pubblica è tutta concentrata sulla “questione Kavanaugh”, il giudice conservatore che Trump vuole a tutti i costi alla Corte suprema, sbilanciando così l’equilibrio attuale, e che è stato pubblicamente accusato dalla professoressa Christine Ford di tentato stupro durante gli anni delle scuole superiori. Trump ha assistito all’audizione della Ford davanti alla Commissione giustizia del Senato. Il giorno dopo, in conferenza-stampa ha detto che trovava la sua testimonianza «davvero convincente, per me è proprio una donna in gamba». Ma subito dopo ha aggiunto: «E penso che la testimonianza di Brett [Kavanaugh] sia stata allo stesso modo straordinaria, una cosa che non avevo mai visto. Un momento fondamentale nella storia del nostro paese. Però, lei è davvero una testimone credibile, è proprio in gamba». Insomma, Trump è riuscito nella stessa frase a dire una cosa e il suo contrario, che l’assalto sessuale ci sia stato e pure no.
Poi, pochi giorni fa, durante un comizio in Mississippi si è prodotto in un’imitazione in caricatura della testimonianza della Ford, senza nominarla. Grandi risate, applausi. Naturalmente, al contrario della caricatura di Trump, la Ford ha descritto minuziosamente la pianta della casa dove accadde l’episodio di tentato stupro e precisamente il periodo in cui è accaduto – oltre a aver chiamato in causa un testimone presente. Ecco la sua testimonianza: «All’inizio della serata, salii su una stretta scala che portava dal soggiorno a un secondo piano per usare il bagno. Ero appena arrivata in cima alle scale, quando sono stata spinta da dietro in una camera da letto. Non ho visto chi mi spingesse. Brett e Mark entrarono nella camera da letto e chiusero la porta dietro di loro. C’era già musica in camera da letto, ma entrambi alzarono il volume al massimo. Mi spinsero sul letto e Brett mi salì addosso. Cominciò a passare le mani sul mio corpo e mi stringeva i fianchi. Gridai, sperando che qualcuno al piano di sotto potesse sentirmi, e cercai di allontanarmi da lui, ma era troppo pesante. Brett mi palpeggiava dappertutto e ha cercato di togliermi i vestiti».
Ma per Trump tutto si gioca su «una birra», per minarne ogni credibilità. Dopo l’audizione, e dopo la minaccia di non votare se non si fosse rimandato e avviate indagini da parte di un senatore repubblicano, Jeff Flake – c’è un solo voto di differenza in Commissione e quindi è determinante – Trump ha disposto indagini dell’Fbi sull’episodio denunciato dalla Ford, ma ponendo paletti rigidissimi e dando tempo solo una settimana: per oggi, venerdì, ogni indagine dovrà essere conclusa.
In un op-ed sul «New York Times», James Comey, che era il capo dell’Fbi prima che Trump lo facesse fuori perché non era perfettamente allineato, ha scritto che l’agenzia in una settimana, nonostante i vincoli imposti, potrebbe fare un buon lavoro di indagine. Ma ha scritto anche: «Viviamo in un mondo in cui il presidente attacca abitualmente l’Fbi perché teme il suo lavoro. Chiede che i suoi nemici vengano processati e che i suoi amici siano liberati. Viviamo anche in un mondo in cui un giudice federale si accoda al presidente urlando attacchi alla commissione del Senato, che sta prendendo in considerazione la sua nomina e chiedendo se un senatore rispettato abbia mai smesso davvero di bere. Viviamo in un mondo in cui il presidente è accusato di avere abusato compulsivamente di donne, e che è stato registrato nel vantarsi della sua capacità di aggredire le donne e ora paragona le accuse contro il suo candidato alle numerose accuse “false” contro di lui. Ma la cosa più inquietante è che viviamo in un mondo in cui milioni di repubblicani e i loro rappresentanti pensano che quasi tutto nel paragrafo precedente sia okay».
Intanto, nel suo intervento all’Assemblea dell’Onu, una settimana fa, Trump ha attaccato la Cina, l’Iran, il Venezuela e il Canada, ma ha rivendicato gli accordi con la Corea del Nord. Ha pure trovato il tempo per rivendicare i suoi successi: «In meno di due anni, la mia amministrazione ha ottenuto più di ogni altra amministrazione nella storia». Ci sono state risate nella platea, ma Trump ha reagito così: «Didn’t expect that reaction, but that’s okay», e ha continuato, parlando dei successi della Borsa e dei numeri positivi dell’occupazione, anche nella manifattura.
Vedremo che succede al voto in Commissione giustizia del Senato, che inizierà i lavori visionando le indagini dell’Fbi. Intanto, in una lettera aperta sul «New York Times», oltre 650 professori di Legge esortano il Senato Usa a non confermare la nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, «la più alta Corte di questa Terra».

Nicotera, 4 ottobre 2018.
pubblicato su “il dubbio”, quotidiano del 5 ottobre 2018.

Pubblicato in politiche | Lascia un commento