Marvel scommette su Black Panther, vero supereroe nero.

Black Panther, Pantera Nera, il cui vero nome è T’Challa, è un personaggio dei fumetti creato dai testi di Stan Lee e dai disegni di Jack Kirby, pubblicato dalla Marvel Comics. Pantera Nera non era il primo personaggio importante di origini africane nell’universo della Marvel: qualche anno prima era apparso Gabe Jones, un membro di una squadra di soldati legati a Captain America. Ma Pantera Nera fu il primo vero supereroe nero. La sua prima apparizione è in «Fantastic Four» nel luglio 1966.
Praticamente quando Stokely Carmichael stava tenendo il suo famoso discorso sul “black power”, il potere nero, a Berkeley, università della California. Pochi mesi dopo, a ottobre, Huey Newton e Bobby Seale fondarono il loro movimento e lo chiamarono Black Panther Party for Self-Defense. Ma secondo diversi storici non c’è relazione alcuna tra il fumetto della Marvel e il Black Panther Party. Il Black Panther di Newton e Seale avrebbe preso il suo titolo dall’Alabama’s Lowndes County Freedom Organization, che aveva la pantera come logo.
Di sicuro, la Marvel, per evitare al proprio personaggio connotazioni politiche radicali, provò a cambiargli nome nei primi anni Settanta, a esempio Black Leopard. Ma non funzionava. Perciò, a dispetto degli storici, nessuno riesce a toglierci dalla testa che tra un personaggio che divenne uno dei più amati pezzi di cultura pop afroamericana della seconda metà del Novecento e una delle più importanti storie politiche del lungo percorso dei neri americani verso la conquista di maggiori diritti e libertà una qualche relazione stretta c’è.
Chi è Pantera Nera? È il principe di Wakanda, uno stato africano collocato dall’immaginazione degli autori in posti diversi negli anni, ma che comunque lambisce Kenya e Tanzania. Millenni fa, un meteorite si schiantò su quel suolo, rendendo quel luogo ricco di vibranio, un minerale indistruttibile. Il vibranio fa di Wakanda uno stato ricchissimo e tecnologicamente avanzato: lo governa il re T’Chaka insieme alla regina N’Yami, che muore partorendo T’Challa, il vero nome di Pantera Nera. Il vibranio ha fatto diventare il Wakanda molto più progredito di qualsiasi altra nazione, ma, temendo l’uso che il resto del mondo ne avrebbe fatto, la vera Wakanda è sempre stata nascosta agli occhi di tutti.
Anche il re T’Chaka muore, così il regno viene governato temporaneamente da uno zio reggente; T’Challa cresce studiando nelle migliori università, diventando un uomo preparatissimo e coltissimo, esperto fisico e chimico, ma anche addestrato da magnifico combattente, finché fa ritorno a Wakanda per reclamare il trono. Ora, ha anche i superpoteri, che gli vengono dall’Erba a Foglia di Cuore, una pianta magica che ha mangiato come rito quando è diventato re e gli ha dato una forza e un’agilità sovrannaturali. In più, indossa una tuta di vibranio super tecnologica.
Il film, uscito a febbraio negli Stati uniti e nel resto del mondo con un successo straordinario – ha già raccolto il doppio dei duecento milioni di dollari che è costato – racconta dell’ascesa al potere di Pantera Nera e della successiva battaglia contro una congerie di cattivi decisi a conquistare il trono di Wakanda. Il nostro supereroe li sgomina tutti, e in una scena finale, T’Challa si reca alle Nazioni Unite deciso a non nascondere più il suo regno e condividere le sue conoscenze col mondo.
Sono quasi venticinque anni che il film è in progettazione, e solo un paio d’anni fa il progetto è diventato reale, quando Ryan Coogler, che è stato il regista di Creed e è anche coautore della sceneggiatura, è stato incaricato della regia. Le riprese iniziarono nel gennaio del 2017. Coogler ha più volte raccontato di essere cresciuto leggendo fumetti e di considerare il film «un’opportunità storica di far parte di qualcosa di importante e speciale, soprattutto in un periodo in cui gli afro-americani stanno affermando la propria identità mentre affrontano la denigrazione e la disumanizzazione. L’idea di un eroe di colore di questa portata è semplicemente straordinaria».
E in un’altra occasione: «Quello che la Marvel sta facendo… stanno creando prodotti che esistono nello stesso universo, in cui i personaggi si incontrano tra loro, e penso sia la sfida creativa più grande per me. Ci sono i fumetti di Wolverine, che sono molti più dark e violenti dei fumetti degli X-Men, ma si adattano a pennello quando sfogli un fumetto degli X-Men. È un approccio nuovo per il cinema, ma non è nuovo per la narrativa». Difatti, Black Panther è stato introdotto in un film precedente (2016): Captain America: Civil War. Questo è “l’universo Marvel”.
Il film è stato acclamato dalla critica cinematografica. Su «Rotten Tomatoes» ha un indice di gradimento del 97 percento. Il commento del sito recita: «Black Panther eleva il cinema dei supereroi ad emozionanti nuovi livelli mentre racconta una delle storie più coinvolgenti del MCU (Marvel Comics Universe) e introduce alcuni dei personaggi più completi».
Nicholas Barber della BBC ha sottolineato come il regista Ryan Coogler sia riuscito a condensare in questo film tutti i generi da cui la cultura nera è stata tradizionalmente esclusa: «un omaggio a James Bond, una fantasia fantascientifica, con un’immaginazione futuristica che culmina in combattimenti in stile Star Wars, ma anche un dramma geopolitico». Brian Truitt di «USA Today» scrive che il film mette in scena temi profondi e che è allo stesso tempo uno spettacolo per gli occhi. Gli attori sono sembrati più che convincenti a tutti.
Il 2 maggio del 1967 a Sacramento, California, un gruppo del Black Panther Party marciò verso la sede del governo dello Stato dove era riunita l’assemblea parlamentare per discutere del Mulford Bill, che voleva ritirare il permesso ai cittadini di andare in giro armati. Sfilarono per le vie di Sacramento con i loro fucili a canna lunga, portati a spalle, le loro Colt alla cintura. Per le Pantere nere, quell’iniziativa era rivolta contro di loro, che avevano istituito pattuglie nei quartieri – dove organizzavano mense per i poveri, attività scolastiche e servizi sanitari – per intervenire ogni volta che veniva segnalato un’irruzione dei poliziotti, arrivando con i codici in mano per informare dei propri diritti chi veniva sottoposto a arresto. Le Pantere nere non riuscirono a entrare nell’Assemblea, ma si riunirono poi sul prato antistante e lessero la loro dichiarazione contro il Mulford Act. Fu il governatore della California di allora, Ronald Reagan, che firmò quell’atto.
Non avevano superpoteri, Carmichael, Newton, Seale e tutti gli altri. Ma a noi piace ricordarli come eroi di una grande saga.

Nicotera, 20 febbraio 2018.
pubblicato su “il dubbio”, quotidiano del 21 febbraio 2017.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in culture. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...